Cercare il pelo in un uovo di trent’anni fa

Alex Ross è un critico musicale americano molto orientato alla musica contemporanea. E’ l’autore di un saggio fondamentale in questo campo, “The rest is noise”, che caldamente consiglio, anche nella sua versione  italiana (Il resto è rumore, Bompiani). Scrive sul New Yorker, il che già lo classifica come parte dell’intellighenzia americana. Ultimamente, come è doveroso, è ossessionato da Donald Trump, the Horror-Clown.

Ha un blog nel quale, se legge un libro, ne lascia pezzettini: come fanno in tanti, me compreso. Ma i pezzettini soddisfano spesso la sua ossessione. Perlustrando il libro “Vanity Fair Diaries” di Tina Brown, ha trovato un passo che mette insieme la musica  e Trump. Nel 1987 (pensa un po’) Tina Brown testimonia che Donald, a cena, avendo presenziato alla prima (opening) di un’opera dell’Anello del Nibelungo al Met, ne lamentava la lunghezza di cinque ore. Già questo sarebbe da buzzurro, ma il buon Alex si è preso la briga di andare a consultare il calendario del Met del settembre di 30 anni fa, per scoprire che l’opera di apertura della stagione era un Otello, non un’opera di Wagner, peraltro in cartellone nello stesso mese. Di qui il sospetto, insufflato nei lettori, che Trump non distingua Verdi da Wagner. Con tutto il rispetto, ritengo si tratti di sospetto fallace, perché l’Otello non dura cinque ore. Alex gioca sporco sull’equivoco del termine “opening” che vorrebbe dire apertura della stagione, e non semplice “prima”. Ma come fa a essere così sicuro che l’errore non sia di Tina Brown, che scriveva veloci annotazioni diaristiche? E, soprattutto, chi se ne frega se Trump trent’anni fa, a cena, incorreva in una veniale imprecisione, nella quale tutti noi cadiamo (“sono stato alla prima alla Scala”: potrebbe essere S.Ambrogio, ma anche la prima di una qualsiasi opera in cartellone)?

Ma, sopra il soprattutto, la vogliamo piantare con questa ridicola ricerca di peli nell’uovo?

P.S.: chissà chi pagò la cena. Sospetto per sospetto, io un sospetto ce l’ho.

5 commenti to “Cercare il pelo in un uovo di trent’anni fa”

  1. Trump è un eroe. Si vede chiaramente che non è uno che ama l’Opera – la fanciulla del west, forse – ed è chiaro che ce l’ha trascinato Ivana. Nondimeno, è rimasto fino alla fine, e mi lasci dire che per chi non la ama, l’opera è insopportabile, e nel caso di Wagner, non conoscendo né il tedesco né la mitologia norrena, pure un po’ ridicola.
    Ha letto quel delizioso libriccino che si chiamava, mi pare, “disastri all’opera”?
    E’ chiaro che non poteva che divorziare.
    Ed è altrettanto chiaro che, opening o season opening che fosse, si trattava di Wagner.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: