Rutti rossi

Gli artisti comunisti usavano regalare quadri alle gallerie del blocco sovietico. Siccome però erano comunisti ma non scemi, regalavano le opere meno riuscite. Ecco, per esempio, cosa mandò a Mosca Renato Guttuso:

gut1gut2.jpg

I due capolavori si trovano al Museo Puskin. Ho memoria di un altro quadro di Guttuso, molto grande, relegato in una soffitta della Národní Galerie di Praga. Quello era davvero un rutto pazzesco. Non riesco a trovarne traccia in internet, per cui è probabile che dalla soffitta sia finito in magazzino.

Trovato, o almeno credo. Basta andare su Tripadvisor, e sicuramente si trova l’estimatore:

Screenshot (5)

Annunci

One Comment to “Rutti rossi”

  1. Il secondo a me piace, magari è solo un ruttino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...