Sinistrese d’antan, con leccata di culo

GAM sta per Galleria di Arte Moderna, e sta a Torino, alloggiata in un edificio di inizio anni ’50 che fu avvenieristico, della cui costruzione c’è traccia puntuale in una teca: gara di appalto, valutazioni della commissione giudicatrice, lettere di incarico eccetera. Per dire che è un posto dove tendono a guardarsi allo specchio, e a dire “come siamo fighi”. Questo atteggiamento da intellò un po’ retrò si rinviene chiaramente nella disposizione della collezione permanente, che è tematica. I temi (chiamati collezioni) sono cose come “infinito”, “ombre”, “velocità”, “etica”, “natura”. Colpisce, e credo si possa rilevare anche dalle foto presenti nel sito del museo, la cervellotica attribuzione delle opere alle collezioni tematiche. Il sospetto è che tutte le opere possedute dovessero per forza rientrare in una tematica o nell’altra. Soccorre il disorientato visitatore una spiegazione, stampata sul muro della prima sala dedicata  a ciascuna collezione tematica. Il linguaggio è autentico sinistrese, ossia funzionale a un messaggio introflesso, ossia, per intenderci meglio: io critico d’arte sono io, e tu visitatore non sei un cazzo, per forza non mi capisci. Che è roba ormai un po’ d’epoca: diciamo che è andata scemando negli ultimi vent’anni. Naturalmente, la prosa è tradotta in inglese, e naturalmente il traduttore non è madre lingua, perché i raccomandati sono locali. D’altra parte, un madre lingua si sarebbe trovato a disagio con un linguaggio per lui incomprensibile come il sinistrese.

Bene. Posseggo la foto di uno di questi brani stampati sui muri. Ma è l’unico anomalo. No, anomalo no, ma diverso dagli altri. Insomma, è stampato con un inchiostro impastato con la saliva. Si riferisce alla collezione tematica “La Velocità”, ed eccolo qua:

dav

Molte domande vengono spontanee. La maggior parte ha a che fare con concetti come piaggeria, servilismo, ruffianeria, sinistra che lecca la mano del padrone, eccetera. Inutile formularle. Ma una, una sola, mi viene irresistibile: se John Elkann è nato e cresciuto in paesi anglosassoni, che motivo c’era per tradurlo in inglese alla cazzo di cane?

(O cazzo di kann?)

Annunci

5 commenti to “Sinistrese d’antan, con leccata di culo”

  1. Sbaglio o alla seconda “è” dell’ultimo rigo manca l’accento?

  2. Anche la prima velocità è senza accento. Interessante poi questa velocità che “arriva” a fare rima con divinità: e io che credevo che ci facesse rima per sua natura, così come con prosperità, carità, obesità… Certo è che una frase come questa riesce sicuramente a unire nel giudizio credenti e atei, concordi nel trovare che fa cagare – così come, del resto, la scelta dei quadri che dovrebbero essere rappresentativi del concetto di velocità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...