Vite parallele

Nel trattare insieme i “soli” per violino e quelli per violoncello, nell’ambito del suo “Bach” (Mondadori, 1985), Piero Buscaroli osserva che essisegnano la comparsa di una forma e di un linguaggio, di un maestro e di un momento senza paragoni. Nessuno dei massimi maestri dopo Bach pensò a imitarne l’esempio”.
Più avanti, incontriamo un brano di esegesi musicale all’altezza (quasi) dell’oggetto a cui si riferisce:

Nulla, nell’intera opera di Bach, è più ‘barocco’, nello spirito, di questi pezzi, in cui la musica fa sua l’essenza figurativa di un’età che, rifiutando i confini tra i generi e le arti, assegna alla prospettiva, con l’illusione, la reale apparenza degli ordini. Sentimento dell’essere e vertigine del divenire si svolgono in continuità implacabile
L’esecutore deve sapere indicare al tempo stesso, col suo arco, la luminosità dell’indicazione lineare o la penombra della virtualità suggerita. Nell’Andante della Sonata in la minore per violino, le note del basso creano l’illusione di un colonnato senza fine. Così nel preludio dell’ultima Suite in re maggiore, per violoncello, dove il registro è spinto nelle chiavi di contralto, e di soprano, e la polifonia latente si attua in una serie di memorie differite, di rimandi e di echi sulla distanza, tra frasi omogenee di dodici note ciascuna, dall’identico disegno, ciascuno occupante un’intera battuta, ritornanti un centinaio di volte: l’alternarsi con cui il violoncello risponde a se stesso sul piano armonico e tonale da un lato, e, dall’altro, i rimandi dei gravi e degli acuti, traggono da queste dodici centinaia di note uno spessore architettonico che, per essere un’illusione si impone con una realtà sbalorditiva. Non è solo facciata, è un corpo completo, provvisto di profondità e di volume, di chiari e di scuri, di presenza e di sogno.

Piero Buscaroli, coetaneo all’incirca di Umberto Eco, è morto qualche giorno fa nella sua casa di Imola.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...