Un tocco di gesuitismo

domenica-gesuiti-324il Vaticano ha annunciato la nascita di una «Commissione speciale di studio per la riforma del processo matrimoniale canonico» che Papa Francesco ha voluto istituire per «preparare una proposta di riforma del processo matrimoniale, cercando di semplificarne la procedura, rendendola più snella e salvaguardando il principio di indissolubilità del matrimonio».
Sembra di essere tornati al 1974, quando la propaganda divorzista metteva (giustamente) l’accento sull’ipocrita via cattolica al divorzio. C’era uno slogan in latino maccheronico, che diceva: “Qui facit annullamentum non pagat alimentum”.
Il tocco di gesuitismo che si aggiunge oggi, a distanza di 40 anni, è consono alla formazione del Sommo Pontefice. Annullamento più facile, nella salvaguardia del principio di indissolubilità. E’ sempre rassicurante vedere che i preti sono preti.

Nota:  ho deciso di correggere il riferimento  a S.Ignazio nel titolo,  perché  mi sembrava ingeneroso (nei confronti del Santo).

Annunci

4 commenti to “Un tocco di gesuitismo”

  1. Questo blog è né carne, né pesce: si parla di musica, ma non è un blog musicale nel senso specialistico del termine; non è un blog politico, anche se in alcuni post vorrebbe emulare lo stile giornalistico degli opinionisti del Corriere della Sera; non è un blog letterario perché non fa altro che scrivere presunte stroncature di libri che trova antipatici pur non avendoli letti; non è un blog artistico, anche se, leggendola, par di capire che lei manifesti un sincero interesse per l’arte; e infine, non è nemmeno un blog anticlericale. Nel presente post assistiamo ad un’altra delle sue metamorfosi stilistico-letterarie: vorrebbe essere come Malvino avendone preso a modello la linea politica del Dottore. Ma di Malvino c’è solo uno, lei potrebbe al massimo aspirare al ruolo di mosca cocchiera del Dottor Luigi Castaldi.

    • Grazie per il suo sforzo, che reputo titanico. Un testo così lungo deve lasciarla stremato, specie per il terrore di sviste grammaticali. Che, infatti, si rinvengono puntualmente verso la fine. Stia nei 140 caratteri, e avrà maggiori soddisfazioni, benché non di natura sessuale.

  2. Infatti, stavo quasi per scrivere: “Ma non è il signor Train”. Meno male che ho letto il commento fino alla fine!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...