Buono come un santo

Papa Francesco, parlando agli Evangelici della Riconciliazione, a cui è andato a fare visita a Caserta, ha parlato dell’unità che «è fondamentale» tra i cristiani, «è il comandamento di Cristo». Sottolineando che «lo Spirito Santo fa la diversità nella Chiesa. La diversità è tanto bella, ma lo stesso Spirito Santo fa anche l’unità, così che la Chiesa è una nella diversità: per usare una parola bella, una diversità riconciliante. Lo Spirito Santo è armonia, armonia nella diversità».

Tutto bene, tutto bello. E’ un peccato che i predecessori del sig.Papa non la pensassero allo stesso modo. Prendiamo Papa Pio V, per esempio. Ne ha ammazzati a migliaia: i valdesi, in Calabria. Un’altra volta, a Mantova, il puzzo di carne umana bruciata era così ammorbante che la gente non uscì di casa per giorni. C’è chi dirà: Papa Francesco non brucia nessuno, è tanto buono. Buono come un santo. Il problema è che anche Pio V è Santo. E allora?

Annunci

One Comment to “Buono come un santo”

  1. È lo Spirito Santo 2.0. O siamo già oltre? Ogni quanti secoli c’è l’upgrade?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...