Dimmi per chi tieni e ti dirò chi sei

Il filmato di Fidel Castro che annuncia al popolo la nazionalizzazione delle società straniere (vedere, in particolare, al minuto 3:37) è un grande classico. Un altro grande classico è la memoria lunga degli americani: nessun paese contemporaneo ha saputo tenere a mente i torti subiti con tanta inflessibilità e assenza di spirito compromissorio. Il contrario dell’Italia, patria del perdonismo più melmoso. L’ansia di perdonare non è bontà ma cinismo: più che diffidenza, avversione verso la giustizia e ricerca di “equilibri più avanzati”, ossia composizione dei torti mediante ricompense risarcitorie, non necessariamente in denaro: là dove, inevitabilmente, chi ne riceve un beneficio è persona o entità diversa dal danneggiato, aggiungendo beffa a ingiustizia.
Faccio queste considerazioni leggendo il curioso – e per me comico – caso di BNP Paribas, pizzicata a violare l’embargo americano contro gli stati canaglia. Più che di Cuba, si parla di Iran e Sudan, ma la faccenda non cambia. Casi come questo costituiscono, per tutti noi, un test di appartenenza: da uomo della strada, sei contento o no che BNP Paribas cacci 9 miliardi per avere trescato con gli stati canaglia? Qui abbiamo un cast di attori di non specchiata virtù: grande banca francese in prima linea fra i persecutori del cittadino italiano e europeo, stati-canaglia che affossano ogni parvenza di diritto civile, un paese (gli USA) molto attento ai suoi interessi. Dai, per chi tieni? Non ti nascondere, non dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Interroga il tuo intestino crasso: per chi tieni? Dimmelo, e ti dirò chi sei.

Annunci

3 commenti to “Dimmi per chi tieni e ti dirò chi sei”

  1. Proprio nei giorni scorsi, cazzeggiando su altro argomento, ho scritto che “la consuetudine di passare sopra alla gravità di un’azione illecita/negligente/dolosa, solo perché alla fine è andato tutto bene, mi turba”. Non vorrei sbagliare, ma credo che ci sia una forte attinenza con la domanda del post, soprattutto se consideriamo tra le cose “andate bene” il compromesso da cui una entità qualsiasi trae beneficio. Quindi, a prescindere dal singolo episodio, riscontro un senso di giustizia che dovrebbe essere più diffuso, nell’atteggiamento degli USA, paese per il quale tifo.

  2. Mi viene in mente la lista di aziende israeliane da boicottare che vorremmo copiare dal sig. Hollande e sale forte l’impulso alla masturbazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...