Archive for dicembre, 2013

25 dicembre 2013

Aridatece er puzzone

Visto il concerto di Natale alla Scala, con un direttore che non ha risparmiato nessuna smorfietta e nessun gesto, ivi inclusi movimenti di danza e un creativo lancio di caccola nasale per dare l’attacco. Visti i lacrimevoli risultati, ivi incluso il più sciatto Va’ Pensiero della storia scaligera. Viste le ovazioni che puntuali scesero dal loggione e salirono dalla platea.

Tutto ciò visto, rifacciamoci l’orecchio con il filmato qui sopra. Non è che Muti non faccia smorfie, ma almeno il risultato è di eccellenza. [Per i pochi che non lo sapessero, in questo spettacolo del 1986 gli applausi iniziali sono riferiti al Va’Pensiero già eseguito. Quello che poi si ascolta è un raro bis].

Annunci
11 dicembre 2013

Il medioevo prossimo venturo

«Oggi tracciamo una linea netta, senza sfumature – sostiene Letta -: di qua chi ama l’Europa, ne riconosce le contraddizioni e vuole riformarla ma sa che senza Ue ripiombiamo nel medioevo. Di là chi vuole bloccare l’Ue».

A parte la rozzezza e l’arroganza, piacerebbe saper che scuole ha fatto il signor Letta quando, per evocare scenari apocalittici, parla di ripiombare nel medioevo. Nel medioevo c’erano Dante e Petrarca, Giotto e Antonello da Messina,  Francesco d’Assisi e Lorenzo de’Medici. Che personaggi gli contrappone Letta? Forse Van Rompuy?

8 dicembre 2013

Il regista traviato

MagnoliaPer cominciare, una notazione non marginale. La Dama delle Camelie porta fiori bianchi quando è disponibile, e fiori rossi quando attraversa il periodo mestruale. La distribuzione di fiori rossi voluta dal regista Tcherniakov come promessa di amplesso è, più che mancato rispetto dell’originale, sintomo di ignoranza dell’originale.

La notazione non è marginale perché va al cuore del problema di questa regia: la deliberata non accettazione del tema fondamentale che Verdi volle assegnare all’opera. La Traviata ha come tema melodrammatico la commozione. Fonde la trama dumasiana con una partitura che rappresenta il punto più alto mai raggiunto da un compositore nella traduzione in musica e nella comunicazione all’ascoltatore  di sentimenti empatici. E’ ovvio che il libretto da solo non arriverebbe a questo risultato, ma neppure la musica, se non fosse legata alla persona e alla vicenda di Violetta. Bene: se il risultato non è stato raggiunto ieri alla Scala, e le colpe sono, nell’ordine: del regista, del direttore d’orchestra e dell’interprete principale.

Il regista ha la parte preponderante delle responsabilità, non tanto e non solo per le trovate sceniche che hanno attirato l’attenzione degli spettatori (prima fra tutte quella del taglio delle verdure). La colpa della regia è stata di mettere in dubbio che sulla scena si svolga un dramma umano. Lo ha fatto inserendo continui elementi di disturbo nel comportamento dei personaggi, come se questi fossero convinti che si trattasse di farsa  e non tragedia. Il dubbio si è comunicato al pubblico, e ha preso forma di nevrosi nelle ultime scene: come se ci si attendesse continuamente che i protagonisti sciogliessero la tensione in una bella risata, un brindisi a base di superalcolici e coca, e via a farsi una sana scopata (ciclo mestruale permettendo). Qui entrano in gioco le colpe degli interpreti musicali: il direttore non solo non ha frenato gli eccessi esibizionistici del regista, ma ha deciso di esibirsi anche lui, varando una edizione basata sulla prima versione dell’opera, e così, per esempio, rovinando il vibrato dei violini che annuncia gli ultimi istanti di Violetta. Anche qui, poco rispetto per il compositore: se Verdi ha cambiato, avrà avuto le sue ragioni. La protagonista non ha fatto niente di male (*), anzi ha fatto tutto molto bene: solo che non è adatta alla parte, specie se aderisce con entusiasmo alle gag suggerite dal regista.

(*) Salvo dimenticarsi l’entrata alla festa di Flora

7 dicembre 2013

La stampa traviata

Il tradizionale supplemento del Corriere della Sera per la prima della Scala ha in prima pagina un articolo di una Antonella Lattanzi, dal titolo Il mistero Traviata. Sottotitolo: Il “prezzo da pagare” per l’indipendenza: dal sacrificio di Violetta allo sdoppiamento delle baby squillo.

Non vorrei però che qualcuno pensasse che ho letto l’articolo.