Ma che brutto suono, signorina Dego

All’Auditorium di Milano, concerto diretto da Jader Bignamini. Ho già scritto sull’involuzione dell’orchestra, che sente la lontananza di Riccardo Chailly. Gli archi sono imprecisi e sciatti. Un po’ meglio, a sorpresa, i fiati. Ottoni e percussioni come te li aspetti in un’orchestra italiana, e non è un complimento. Maestro in trance…viene da dire: agonistica. Questo per Rossini e Respighi. Una noia mortale.

Per Paganini, c’è Francesca Dego. Che sia una virtuosa, è indubbio. Ha in mano un Guarneri piuttosto piccolo, con un cantino assai bello. Questo per dire che, quanto a strumento, non può lamentarsi. Ma il suono che ne cava non va bene. Difetti sensibili di intonazione, lungo tutto il Concerto n.1  e due bis, pure paganiniani. Quello che mi disturba, però, è l’incapacità di generare volume, e quindi di agire sulla dinamica. Sarà che uno ha nell’orecchio Heifetz, Stern e Milstein.

Paragoni ingenerosi. Ma il pubblico è entusiasta. E’ giovane, bella, bionda e lecchese.

Annunci

One Comment to “Ma che brutto suono, signorina Dego”

  1. Magari si rende conto anche lei delle sue pecche, vista la generosità con cui offre le sue pregevoli compensazioni estetiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...